Notizie del settore
VR

L'elevata inflazione ostacola la ripresa economica globale

Un nuovo articolo dai marketer di Picvalue Corp

Molti economisti prevedono che l'elevata inflazione globale potrebbe essere alleviata il prossimo anno, ma ciò non accadrà naturalmente. Richiede determinazione e saggezza da tutti i paesi. Come si è sviluppata finora l'inflazione elevata? Questa domanda è stimolante.



2021/12/29

Il 9 dicembre, in un mercato a Parigi, in Francia, un proprietario di una bancarella stava aspettando la visita degli ospiti. I dati mostrano che il tasso di inflazione nell'eurozona è salito al 4,9% a novembre. Foto del giornalista della Xinhua News Agency Gao Jing


Molti economisti prevedono che l'elevata inflazione globale potrebbe essere alleviata il prossimo anno, ma ciò non accadrà naturalmente. Richiede determinazione e saggezza da tutti i paesi. Il primo è rafforzare la cooperazione internazionale nella prevenzione e nel controllo della nuova epidemia di polmonite coronale; il secondo è quello di rafforzare il coordinamento della politica monetaria, pur rispondendo con decisione all'inflazione, per evitare che si ripresenti uno scenario simile alla “riduzione del panico” del 2013; il terzo è prestare attenzione ai rischi a lungo termine dell'elevata inflazione.


"Tutti hanno visto l'elefante nella stanza, ma tutti non volevano menzionarlo, perché menzionarlo avrebbe messo a disagio le persone". Nel libro "Gray Rhinoceros: How to Deal with Probability Crisis", l'autore Michel Al Walker lo ha usato per confrontare la crisi del rinoceronte grigio, che è una potenziale crisi con un'alta probabilità di accadimento e un enorme impatto. Sfortunatamente, i segni che aveva mostrato prima dell'epidemia sono stati ignorati.


Osservando il fenomeno dell'inflazione globale che si è evoluto dalla fine del 2020 ad oggi, sembra che sia stato trovato un nuovo caso per questa teoria. L'inflazione questa volta è come un rinoceronte grigio che è gradualmente fuori controllo, sbattendo a destra e a sinistra sotto il naso delle autorità di regolamentazione in vari paesi, ostacolando il percorso della ripresa economica globale.


Quanto è grave questa inflazione di cui ha preoccupato il mondo?


Uno è un valore elevato. Il tasso di inflazione negli Stati Uniti ha raggiunto un nuovo massimo in quasi 40 anni, l'IPC core nel Regno Unito ha raggiunto un nuovo massimo in quasi 30 anni, l'inflazione delle principali economie dell'eurozona è sostanzialmente a un massimo storico, e il tasso di inflazione in Turchia ha addirittura raggiunto la doppia cifra. Il secondo è una vasta gamma. Dall'Europa e dall'America all'Africa, all'Asia, al Sud America e all'Oceania, dalle economie sviluppate alle economie dei mercati emergenti fino alle economie sottosviluppate, quasi tutte soffrono di inflazione. Il terzo è la lunghezza della catena. Dai prodotti primari come le merci sfuse, i prodotti agricoli e l'energia, ai collegamenti di lavorazione intermedi ai beni di consumo terminali, c'è un boom.


Come si è sviluppata finora l'inflazione elevata? Questa domanda è stimolante.


Innanzitutto, l'inefficacia delle banche centrali americane e occidentali guidate dalla Federal Reserve è un fattore importante che porta all'intensificarsi dell'inflazione. In primo luogo, l'adeguamento del quadro di politica monetaria della Fed ha aperto la strada al suo atteggiamento connivente nei confronti dell'inflazione. La Fed ha annunciato alla fine di agosto 2020 di adeguare il proprio quadro di attuazione della politica monetaria, adottando un "obiettivo medio di inflazione", ovvero consentire un periodo di tempo superiore al 2% e solo bisogno di mantenere un tasso medio di inflazione di 2 % per molto tempo. È più impegnato in una ripresa economica mirata all'occupazione. A quel tempo, alcuni economisti hanno analizzato che ciò potrebbe portare a iperinflazione e enormi debiti. In secondo luogo, di fronte all'epidemia, il "rubinetto" della massa monetaria è stato svitato. Forse è il timore che la lenta risposta della Fed dopo la crisi finanziaria internazionale del 2008 porti alle critiche di tutte le parti. Questa scena si ripete. Questa volta il presidente della Fed Powell, sotto i bombardamenti dell'ex presidente degli Stati Uniti Trump, ha posto fine anticipatamente alla normale politica monetaria avviata dall'ex presidente Yellen. Invece, hanno scelto la combinazione di "tasso di interesse prossimo allo zero + allentamento quantitativo" illimitato". I dati mostrano che il bilancio della Fed è passato da 4,1 trilioni di dollari USA nel gennaio 2020 prima dell'epidemia a 8,7 trilioni di dollari USA attuali. Le economie sviluppate come l'Unione Europea e il Giappone sono seguite da vicino. La politica monetaria estremamente accomodante ha determinato un contesto globale di tassi di interesse ultra bassi e ha inondato la liquidità, fornendo un terreno fertile per un'inflazione elevata. In terzo luogo, l'adeguamento della politica monetaria esita. La Fed ha promesso in precedenza che l'inflazione è solo un "fenomeno temporaneo" e che i dati sull'occupazione che sta osservando da vicino non sono migliorati. Allo stesso tempo, è preoccupata per il processo di ripresa economica e per la reazione eccessiva del mercato dei capitali. È stato interrogato.


In secondo luogo, il disallineamento tra domanda e offerta causato dalla crisi epidemica "aggiunge benzina sul fuoco". Con ripetuti focolai dell'epidemia e l'iterazione di ceppi virali, i paesi sembrano essere intrappolati in un ciclo di "sblocco-aggravamento dell'epidemia-chiusura", interrompendo il ciclo della catena di approvvigionamento globale. Da un lato, con la divulgazione della nuova vaccinazione corona e la ripresa delle attività economiche, diversi paesi hanno successivamente introdotto programmi di stimolo fiscale, che hanno accresciuto il potere d'acquisto dei residenti e ottenuto una rapida ripresa della domanda. Questa è anche la differenza significativa tra l'inflazione causata dall'attuale crisi epidemica e l'inflazione durante le precedenti crisi economiche. D'altra parte, il collo di bottiglia dell'offerta è evidente. Il recupero della capacità di produzione di merci sfuse richiede un lungo periodo di tempo. I settori dei chip, automobilistico, chimico, farmaceutico e di altro tipo sono gravemente bloccati. La logistica e i trasporti sono colpiti dall'epidemia, la carenza di manodopera e le catene di approvvigionamento in vari paesi sono riparate in modo non uniforme e non funzionano correttamente. , Questi fattori sono intrecciati e sovrapposti portando a carenze di materie prime e aumento dei prezzi.


Infine, una ragione radicata che può essere facilmente trascurata è che il processo di globalizzazione ha incontrato una controcorrente. Negli ultimi 30 anni, il motivo per cui le principali economie mondiali sono state in grado di mantenere un basso tasso di inflazione è in gran parte dovuto al fatto che il progresso tecnologico e la globalizzazione costituiscono forze deflazionistiche e frenano il verificarsi di un'inflazione elevata. Questo è anche un motivo importante per cui Powell ha ritenuto che l'inflazione sia solo temporanea. Tuttavia, negli ultimi anni, il protezionismo commerciale e l'unilateralismo si sono rianimati e le frequenti controversie commerciali e il rimodellamento della catena industriale hanno causato una certa frustrazione del processo di globalizzazione. La catena del valore e la divisione internazionale del lavoro formatesi nel processo di globalizzazione stanno affrontando una riorganizzazione. I profondi cambiamenti strutturali hanno portato a un indebolimento del potere di frenare l'inflazione.


L'elevata inflazione che sta investendo il mondo non solo aumenta il costo della vita delle persone, ma intensifica anche la polarizzazione tra ricchi e poveri, divora la ricchezza globale e influisce sulla ripresa economica, è più probabile che incuba il populismo, l'estremismo e altri pensieri sociali e minano la stabilità sociale e politica. Tutti i paesi devono lavorare sodo per prevenire e risolvere problemi difficili. Sebbene molti economisti prevedano che l'inflazione elevata potrebbe essere alleviata l'anno prossimo, questo non è qualcosa che può essere ottenuto in modo naturale. Richiede determinazione e saggezza da tutti i paesi.


È necessario rafforzare la cooperazione nella prevenzione e nel controllo della nuova epidemia di polmonite coronale. La frequente mutazione e l'iterazione del nuovo coronavirus sono ancora uno dei fattori destabilizzanti più importanti per l'economia globale. Solo quando il tasso di penetrazione globale della vaccinazione raggiunge il requisito di immunizzazione, la produzione economica dovrebbe tornare gradualmente alla normalità, il collo di bottiglia della catena di approvvigionamento può essere alleviato e i prezzi al consumo possono scendere.


È necessario rafforzare il coordinamento della politica monetaria. Di fronte ai dati turbolenti sull'inflazione, la risoluzione del Comitato di politica monetaria della Fed di dicembre ha mostrato che la Fed ha abbandonato la sua visione di "inflazione temporanea" e ha accelerato il ritmo del ridimensionamento. Si prevede di aumentare i tassi di interesse tre volte il prossimo anno. Tuttavia, se il ritmo dei rialzi dei tassi di interesse dovesse accelerare ulteriormente in futuro, il capitale internazionale accelererà il ritorno di capitale dai mercati emergenti negli Stati Uniti e le turbolenze nel mercato dei capitali potrebbero diffondersi nel mondo. Il ritmo della politica monetaria nelle diverse economie non è lo stesso. Le economie in via di sviluppo come Brasile, Russia e Turchia sono state costrette ad aumentare i tassi di interesse prima del previsto per frenare l'inflazione importata. Pertanto, il mondo dovrebbe rafforzare la comunicazione di politica monetaria e, pur rispondendo con decisione all'inflazione, evitare il ripetersi di uno scenario simile alla "riduzione del panico" nel 2013.


Dobbiamo essere attenti ai rischi a lungo termine di un'inflazione elevata. È probabile che fattori come l'invecchiamento della popolazione e l'aggiornamento della catena di approvvigionamento facciano aumentare i costi dei prezzi per un periodo di tempo più lungo. Guardando indietro alla storia globale, la durata del ciclo dell'inflazione è incerta e un'inflazione di lunga durata causerà gravi danni all'economia. Pertanto, i paesi di tutto il mondo non dovrebbero prendere alla leggera il controllo dell'inflazione elevata, ma devono anche sostenere un pensiero a lungo termine, rafforzare la cooperazione con una visione più ampia e uno spirito di responsabilità più responsabile e collaborare per affrontarla. 


Fonte: Redattore economico quotidiano: Feng Shi

dichiarazione: ristampa questo articolo è a scopo informativo Se un errore di codifica della fonte o viola i diritti legittimi e gli interessi dell'utente, l'autore detiene il certificato di proprietà, si prega di contattare questa rete, provvederemo tempestivamente a correggere ed eliminare.


Informazioni di base
  • Anno stabilito
    --
  • tipo di affari
    --
  • Paese / regione
    --
  • Industria principale
    --
  • Prodotti Principali
    --
  • Persona giuridica aziendale
    --
  • Dipendenti totali
    --
  • Valore di uscita annuale
    --
  • Mercato delle esportazioni
    --
  • Clienti collaborati
    --
Chat
Now

Invia la tua richiesta

Scegli una lingua diversa
English English français français Português Português Español Español русский русский Ελληνικά Ελληνικά العربية العربية Deutsch Deutsch italiano italiano 日本語 日本語
Lingua corrente:italiano
Invia la tua richiesta