Notizie del settore
VR

questo post completo degli esperti di previsioni WEO di Picvalue Corp

questo post di Picvalue Corp ti guida passo dopo passo attraverso il processo di previsione WEO

Prospettive cupe, crescente incertezza

L'economia globale si riprenderà inizialmente nel 2021, ma la situazione sarà ancora più cupa nel 2022 e inizieranno a emergere i relativi rischi.


2022/08/11

questo post completo degli esperti di previsioni WEO di Picvalue Corp

SOTTOTITOLOS

questo post completo degli esperti di previsioni WEO di Picvalue Corp

Prospettive cupe, crescente incertezza

L'economia globale si riprenderà inizialmente nel 2021, ma la situazione sarà ancora più cupa nel 2022 e inizieranno a emergere i relativi rischi. La produzione globale si è contratta nel secondo trimestre a causa delle flessioni economiche in Cina e Russia, mentre la spesa per consumi degli Stati Uniti è stata inferiore alle aspettative. L'economia mondiale, indebolita dall'epidemia, ha subito diversi shock: l'inflazione mondiale ha superato le aspettative (soprattutto nelle principali economie degli Stati Uniti e dell'Europa), determinando un inasprimento delle condizioni di finanziamento; colpita dalla nuova epidemia di corona e dalle misure di prevenzione dell'epidemia, la crescita economica della Cina ha rallentato più del previsto; inoltre, anche la guerra in Ucraina ha portato effetti di ricaduta più negativi.


Le previsioni di base suggeriscono che la crescita rallenterà al 3,2% nel 2022 dal 6,1% dell'anno scorso, in calo di 0,4 punti percentuali rispetto alle previsioni WEO di aprile 2022. Un rallentamento della crescita economica statunitense all'inizio di quest'anno, combinato con un minor potere d'acquisto delle famiglie e una politica monetaria più restrittiva, ha tagliato le previsioni di crescita degli Stati Uniti di 1,4 punti percentuali. Ulteriori blocchi in Cina e un'aggravarsi della crisi immobiliare hanno portato a un taglio di 1,1 punti percentuali delle previsioni di crescita, con significative ricadute globali. L'Europa risente degli effetti di spillover della guerra in Ucraina, insieme all'inasprimento della politica monetaria, che determina una netta revisione al ribasso delle previsioni di crescita per i paesi europei. L'aumento dei prezzi dei generi alimentari e dell'energia e i persistenti squilibri tra domanda e offerta hanno portato a revisioni al rialzo delle previsioni di inflazione globale (sebbene il calo della domanda sia stato moderato). L'inflazione nelle economie avanzate dovrebbe raggiungere il 6,6% quest'anno, mentre l'inflazione nei mercati emergenti e nei paesi in via di sviluppo dovrebbe raggiungere il 9,5%, rispettivamente in rialzo di 0,9 e 0,8 punti percentuali. La politica monetaria per ridurre l'inflazione dovrebbe avere un impatto negativo nel 2023, con un aumento della produzione mondiale di appena il 2,9%.


Predominano i rischi al ribasso per le prospettive economiche. La guerra in Ucraina potrebbe portare a un arresto improvviso delle importazioni europee di gas dalla Russia; abbassare l'inflazione potrebbe essere più difficile del previsto se i mercati del lavoro sono più rigidi del previsto o se le aspettative di inflazione non sono ancorate; condizioni di finanziamento globale più restrittive potrebbero innescare la crisi del debito cinese nei mercati emergenti e nelle economie cinesi in via di sviluppo; la recrudescenza della nuova epidemia di corona e più blocchi antiepidemici e l'ulteriore intensificazione della crisi nel settore immobiliare possono rafforzare il freno alla crescita economica della Cina; le divisioni geopolitiche possono ostacolare il commercio e la cooperazione globali. Un possibile scenario alternativo è rappresentato dai rischi multipli, con l'inflazione in ulteriore aumento e la crescita globale che scende a circa il 2,6% nel 2022 e al 2,0% nel 2023. Questa sarebbe la peggiore performance biennale dell'economia nel peggiore 10% dal 1970.


Poiché l'aumento dei prezzi continua a ridurre il tenore di vita in tutto il mondo, il controllo dell'inflazione dovrebbe essere una priorità assoluta per i responsabili politici. L'inasprimento della politica monetaria comporta inevitabilmente costi economici reali, ma i ritardi non faranno che aumentare i costi. Un sostegno fiscale mirato può aiutare ad attutire l'impatto sui più vulnerabili, ma poiché la pandemia allunga i bilanci pubblici e richiede una politica macroeconomica generale che riduca l'inflazione, questi dovranno essere compensati da tasse più elevate o da una minore spesa pubblica. Condizioni monetarie più restrittive influenzeranno anche la stabilità finanziaria, richiederanno un uso attento degli strumenti macroprudenziali e renderanno più necessarie le riforme del quadro di risoluzione del debito. Le politiche che affrontano gli impatti specifici dei prezzi dell'energia e dei generi alimentari dovrebbero concentrarsi sulle persone più colpite ed evitare distorsioni dei prezzi. Mentre l'epidemia continua, i tassi di vaccinazione devono essere aumentati per proteggersi da futuri ceppi mutanti. Infine, per mitigare il cambiamento climatico, è ancora urgente un'azione multilaterale per limitare le emissioni aumentando al contempo gli investimenti per accelerare la transizione verde.






Informazioni di base
  • Anno stabilito
    --
  • tipo di affari
    --
  • Paese / regione
    --
  • Industria principale
    --
  • Prodotti Principali
    --
  • Persona giuridica aziendale
    --
  • Dipendenti totali
    --
  • Valore di uscita annuale
    --
  • Mercato delle esportazioni
    --
  • Clienti collaborati
    --
Chat
Now

Invia la tua richiesta

Scegli una lingua diversa
English English français français Português Português Español Español русский русский Ελληνικά Ελληνικά العربية العربية Deutsch Deutsch italiano italiano 日本語 日本語
Lingua corrente:italiano
Invia la tua richiesta